Carissimi bambini, siamo arrivati alla terza Domenica di Pasqua e il vangelo ci presenta due personaggi in cammino, forse un po’ tristi per quello che era avvenuto a Gerusalemme, sono in cerca di risposte. Anche noi come i discepoli di Emmaus stiamo camminando, ci facciamo domande e a volte facciamo fatica a trovare le risposte.

Possiamo dire che come i discepoli di Emmaus la risposta ce l’abbiamo davanti ma non riusciamo a vederla, è GESU’ E’ RISORTO!

Apriamo il nostro cuore e con fede chiediamo a Gesù: RESTA CON NOI.

«Quando fu a tavola con loro, prese il pane, recitò la benedizione, lo spezzò e lo diede loro. Allora si aprirono loro gli occhi e lo riconobbero. Ma egli sparì dalla loro vista. . (Lc 24,30-31)

Camminare insieme, fare comunione e comunità , condividere, essere solidali è ciò che ci insegna la storia delle ZUPPA DI PIETRA

LA ZUPPA DI PIETRA

C’era una volta un vagabondo che aveva molta fame. Dopo tre giorni di digiuno, giunse in un villaggio. Purtroppo quello era il villaggio più meschino dell’intera regione. Gli abitanti avevano le dispense piene e i piatti sempre vuoti: non invitavano mai nessuno. “Bisogna risparmiare” ripetevano. “Non si sa mai, può capitare un amico all’improvviso”.

Ma, a dir la verità, avidi e avari com’erano, nessuno di loro aveva amici. Toc, toc, toc. Il vagabondo bussò alla porta della prima casa. “Chi sei? Cosa vuoi?” strillò una voce. “Sicuramente vuoi qualcosa gratis, no? Vattene, non ho niente da darti! Non ho niente da buttar via, io!”. Il vagabondo provò alla casetta vicina. Ebbe la stessa risposta. Così di casa in casa. Bussò infine alla porta della casa del sindaco, affacciata sulla piazza del villaggio. “Volevo solo chiederle un po’ d’acqua” disse sorridendo al volto astioso che fece capolino, “sto per cucinare una deliziosa zuppa di pietra”. La fessura della porta si allargò: “Hai detto zuppa di pietra?”. “Sì” fece il vagabondo con fare innocente “posseggo una pietra magica, ho solo bisogno di un po’ d’acqua”. Il sindaco brontolò ma arrivò con un secchio d’acqua. “Com’è gentile lei”, sussurrò il vagabondo, “non vorrebbe farmi compagnia? Non per vantarmi, ma dicono che la mia zuppa di pietra sia la migliore del mondo. Non avrebbe una pentola un po’ grande?”. “Io non ne ho mai sentito parlare”, borbottava il sindaco, ma prese il paiolo più grosso che aveva e lo porse al vagabondo, che accese un fuoco in mezzo alla piazza, tirò fuori dalla bisaccia una grossa pietra, la pulì ben bene e poi la mise nella pentola. In un attimo, la notizia della pietra miracolosa che bolliva in piazza fece il giro del villaggio.

Quasi tutti gli abitanti formarono un cerchio intorno al vagabondo e alla sua pentola. “E mangerai quella roba?” chiese una ragazzina facendo una smorfia. “Hai ragione” disse il vagabondo. “La zuppa di pietra è molto più buona con una cipolla, ma dovrò accontentarmi”: Un attimo dopo una mano porse una piccola cipolla. “Grazie, signora” disse il vagabondo. Aggiunse la cipolla e assaggiò il brodo. “Mmm, deliziosa”. La gente lo guardava con occhi sempre più increduli. “Capisco cosa state pensando: la zuppa di pietra è ottima specialmente con le cipolle e con una manciata di fagioli, ma io mi accontento …”. Un ragazzino arrivò trafelato con un mastellino colmo di fagioli. “Li accetto volentieri, se mangi con me” disse il vagabondo versando i fagioli nella pentola. Le massaie guardavano accigliate la zuppa arricciando il naso. “Ah, lo so cosa state pensando”, disse il vagabondo, “tutte uguali voi signore, la zuppa non vi piace se oltre ai fagioli e alle cipolle non ci sono anche dei funghi…”. “Ce li metto io i funghi!” esclamò la signorina Parsimonia, la maestra. Corse a casa e tornò con un cestino di funghi che andarono a raggiungere la cipolla e i fagioli. “Oh naturalmente è un po’ pallida” si scusò il vagabondo. “E’ la carne che dà quel bel colore alla zuppa, oltre alla cipolla e ai funghi”. “Carne! Carne!” esclamò il macellaio anche lui eccitato all’idea di mangiare la zuppa di pietra. Andò a prendere un bel pezzo di carne e qualche metro di salsiccia, che fecero la fine degli altri ingredienti. Il vagabondo assaggiò. “Una patata e una carota o due la renderebbero degna di un re!”. “Oh sì, sì. Le patate! E le carote!”.

A questo punto le signore si rimboccarono le maniche, una di esse scavò furiosamente nell’orto tirando fuori le patate e le carote. “Se volete favorire, portate piatti e cucchiai …” disse cordialmente il vagabondo. “E anche una tovaglia!” aggiunse. “Ma non ci vuole anche un po’ di sale?” suggerì un’altra e corse a casa a prendere il sale. La ricca zuppa ormai sobbolliva nella pentola: cipolla e fagioli e funghi e carne e patate e carote … per non dire della pietra. L’odorino faceva venire l’acquolina in bocca. Il fornaio corse a prendere una dozzina di croccanti forme di pane, altri portarono formaggio e l’oste arrivò con una damigiana di vino nuovo. Alcune massaie portarono deliziose crostate di mele. Fu stesa una grande tovaglia in mezzo alla piazza, tutti si accomodarono e il vagabondo riempì i piatti con la zuppa fumante e profumata. Mangiarono tutti in allegria e, grazie al vino, finirono cantando a squarciagola. “Oh, questo è il miglior pranzo che ho mai fatto in vita mia!” gongolò il sindaco quando ebbe finito. “Quella tua pietra è davvero straordinaria”. “E’ tutta vostra, cari amici, ve la regalo” disse il vagabondo. “Cosa? Davvero ci regali la pietra magica?” dissero gli abitanti del villaggio, con gli occhi lucidi. “Potremo ritrovarci a mangiare e far festa insieme altre volte con la zuppa di pietra. E non ci costerà un soldo!”: “Eh, già” fece il vagabondo infilandosi la giacca “però ricordatevi di aggiungere un po’ di sale e cipolla e fagioli e funghi e un po’ di carne …”. “Non lo dimenticheremo di certo”. “In realtà, ho notato che queste piccole aggiunte rendono la zuppa più buona”, concluse il vagabondo prima di riprendere il cammino.


#cosacontadavvero

Il Papa nella prima udienza generale senza fedeli a causa dell’emergenza Covid19, ha detto:

“Ogni persona è chiamata a riscoprire cosa conta veramente, di cosa ha veramente bisogno, cosa fa vivere bene e, nello stesso tempo, cosa sia secondario, e di cosa si possa tranquillamente fare a meno”.

Abbiamo deciso di cogliere questo suggerimento e invitiamo i bambini e i ragazzi della meravigliosa parrocchia di San Zeno a disegnare, fotografare, o scrivere cosa in questo momento conta davvero, cosa ci fa vivere e sentire bene.

Inviateci i vostri elaborati e/o foto e poi realizzeremo una presentazione animata da inserire nel sito della parrocchia.


Risolvi il Puzzle di Rupnik cliccando sopra l’immagine

preview36pieceI DISCEPOLI DI EMMAUS Rupnik

Categorie: Catechesi Fanciulli